Experiments on the alignment of the connective tissue bands

There are two types of experience :

one is rational knowledge and one experiential knowledge ;body energy is gained through experiential knowledge.

The material to be used by the human body must be reduced to its lowest terms so that it becomes energy that we have seen must serve as the brain for contemplation focused intentional new creative idea

BIOMAGNETISMO.

LA COERENZA FISICA NEL VIVENTE.

IINFORMATIONAL FIELDS.

Considerations on modern biology :
among the possible biological reactions that may occur ;
take place only those that are directed by an informational field.
The question is what is an informational field ??

LA CELLULA E' UNA BATTERIA.

TRASFERIMENTO ELETTROMAGNETICO.

BIOFOTONI E BIOCOMUNICAZIONE.

MEDICINA DEI CAMPI ELETTROMAGNETICI.

Click to search

Bioelectromagnetic and subtle energy medicine: the interface between mind and matter.

Rosch PJ. Ann N Y Acad Sci. 2009.

Abstract

The concept of a "life energy" can be found in many cultures in the present time, as well as in past eras reaching back to the ancients. Variously called qi (chi), ki, the "four humors,"prana, "archaeus,""cosmic aether,""universal fluid,""animal magnetism," and "odic force," among other names, this purported biofield is beginning to yield its properties and interactions to the scientific method. Subtle energy is the term used in this chapter, which traces the recent history of subtle energy studies from Harold Saxton Burr and Björn Nordenström to Jim Oschman and Jacques Benveniste. This work takes signaling in living systems from the chemical/molecular to the physical/atomic level of communication. Effects on heart rate variability, stress response, inflammation, and the vagus nerve have been demonstrated and raise the question--Can the power of subtle energies be harnessed for health enhancement? It is fully accepted that good health depends on good communication both within the organism and between the organism and its environment. Sophisticated imaging procedures brought to bear on telomere, stem cell, and genetic research are confirming the ability of meditation and some other traditional practices to promote optimal health through stress reduction.

PMID

 19735252 [PubMed - indexed for MEDLINE]

Full text

Similar articles

See all

LA COERENZA.

If it reaches the biological system to bring coherence to this system's electromagnetic chemistry to the formation of a large number of free radicals.

PROF. EMILIO DEL GIUDICE : MEMORIA DELL'ACQUA.

MEMORIA DELL'ACQUA.

CAMPO ENERGETICO DELL'UOMO.

TEORIA DEI BIOFOTONI E SALUTE.

BIOLOGIA E FISICA.

Lit lesson of a great physique as a preamble to the new vision of biology

BIOPHOTONS and cellular multiplication

BIOPHOTON information communication

BIOPHOTON information communication

Effects of electromagnetic fields on living organisms

<p>All living organisms emit a faint but persistent flow of light, the intensity of which depends on biophotons present in it. The biophotons are particles of light, bearers of information, with the same features as those of laser light. According to the greater world expert on biophysicist Prof. Fritz</p> <p>Photons are particles in particular, as they have zero mass, but you can interpret as waves, in fact create wave-like phenomena including reflection and refraction it is also said that photons are the quanta of electromagnetic energy, or elementary amount (not further divided) who respect the laws of quantum mechanics the photons of the Sun are an example of naturally occurring photons , and are characterized by having different wavelengths, i.e. various frequencies of radiation light is a prerequisite for the healthy development of the cells because it supports growth without light and energy you couldn't develop much less be no organic life on Earth. &nbsp;It is the original source of energy these photons are important for life and for the operation of each cell are absorbed through the eyes, the skin and feeding the BIOPHOTON BIOPHOTON theory, created by the German biophysicist Prof Fritz Albert Popp, on the trail of a bold intuition about 70 years ago the Russian biologist Alexander Gurwitsch, offers credible interpretation supported now by numerous experiments, that the primary biological event the basis of life and also alterations that lead to disease, is a physical event of electromagnetic nature!&nbsp;</p> <p>&nbsp;</p> <p>The BIOPHOTON BIOPHOTON theory, created by the German biophysicist Prof Fritz Albert Popp, on the trail of a bold intuition about 70 years ago the Russian biologist Alexander Gurwitsch, offers credible interpretation, supported now by numerous experiments, that the primary biological event the basis of life and also alterations that lead to disease, is a physical event of electromagnetic nature! In 1922 Gurwitsch made a pioneering young onion roots by placing two next to each other the cells of an onion separated in a particularly intense at the point towards which was aimed the tip of the second root. &nbsp;The phenomenon manifested when the two bulbs were separated by a glass plate that absorbed ultraviolet Gurwitsch surmised that the onions they emanate a hitherto unknown radiation Only 50 years after the German biophysicist Albert Popp and his team of researchers were able to confirm with their experiments this supposition the cells of humans , of animals and plants, give off really light, the so-called BIOPHOTONS, in the form of "Energy Quanta", which enables them to exchange information even at long distance This exchange of information was documented by a further experiment, very sim ile to Gurwitsch&nbsp;</p>

In this talk professor GENOVESI we have a clear statement of the connection between biology and the message of the electromagnetic

NEWS

<p>The consistency of a system is the fundamental base because we develop greater emission quantity Photonics</p> <p>Effects of water the life processes of the organisms</p> <p>&nbsp;</p> <p>If there is radiation there is no life that is photon beam radiation genetics myth is ' able to induce an increase in number of mitosis</p>

BIOENERGETICA DINAMICA DELLA MATERIA VIVENTE.

REAZIONE
OSSIDO-RIDUTTIVA

<p>&nbsp;</p> <p><strong>Nel 1957 il futuro Nobel per la Medicina Albert Szent-Gyorgyi de Nagyrapolt nel suo libro " Bioenergetica "; scrisse che i biologi avevano trascurato di studiare due elementi fondamentali :</strong><br /><strong>1) I campi elettromagnetici</strong><br /><strong>2) L'acqua</strong><br /><strong>Perch&eacute;' affermava questo?</strong><br /><strong>Vediamo passo dopo passo di spiegare il pensiero di questo scienziato.</strong></p> <p><strong>La gran parte delle reazioni biochimiche sono inspiegabili dal punto di vista energetico.</strong><br /><strong>Poiche'si deve risolvere un problema a monte :</strong><br /><strong>La maggior parte delle reazioni biochimiche sono reazioni di tipo ossido riduttivo.</strong><br /><strong>Cio&egrave; deve esserci una sostanza disposta a cedere un elettrone ed una sua sostanza che accetta un elettrone.</strong><br /><strong>La molecola disposta a cedere un elettrone si chiama riducente e una sostanza disposta ad accettare un'elettrone si chiama ossidativa. </strong><br /><strong>Quindi si chiama reazione chimica ossido-riduttiva una relazione basata sul trasferimento elettronico.</strong><br /><strong>Per trasferire un elettrone questo elettrone deve essere trasferibile.</strong><br /><strong>Ma quali sono le molecole dell'organismo che accettano di buon grado di cedere elettroni ?</strong><br /><strong>Sostanze che cedono elettroni si chiamano riducenti ; in natura quelle pi&ugrave; comuni sono il metalli.</strong><br /><strong>Ma sfortunatamente nella materia vivente i metalli sono presenti in quantit&agrave; infinitesime. Quindi non possono essere considerati i protagonisti nel cedere elettroni ogni qualvolta avviene una reazione ossido riduttiva. Bisogna dire che le reazioni ossido riduttive sono la parte fondamentale del funzionamento di un corpo sano. Infatti quando il corpo comincia ad ammalare si riduce la velocit&agrave; &nbsp; con cui avvengono le reazioni ossido riduttivo e rimangono in circolo delle sostanze che si chiamano radicali liberi.</strong></p> <p style="text-align: center;"><strong>Quando il sistema non ce la fa a portare a termine la reazione rimangono i radicali liberi. In se stessi non sono dannosi perch&eacute; rappresentano il steps delle reazioni ma indicano che il processo non &egrave; riuscito ad andare avanti.</strong><br /><strong>Quindi nella corretta terapia non dobbiamo bloccare i radicali liberi dobbiamo fare in modo che la reazione procede fino al suo termine.</strong><br /><strong>Non bisogna frenare ma spingere la presenza di radicali liberi indica che il sistema non &egrave; riuscito a portare a termine reazioni ossido-riduttive.</strong><br /><strong>Quando il sistema non ce la fa ancora come per esempio ,nei processi cancerosi ,il sistema passa dalle reazioni ossido alle reazioni fermentative.</strong><br /><strong>Quelle che sono poi alla base della putrefazione.</strong><br /><strong>Quindi , per riassumere, quando non c'&egrave;' un congruo rifornimento di elettroni ; si bloccano le reazioni ossido - riduttive e si passa alle reazioni fermentative. Che sono poi alla base del processo putrefattivo. Ma il processo fermentativo e' dodici volte meno efficace ,in termini di produzione energetica, rispetto a quello ossido-riduttivo. Nel corpo sano quindi tutte le reazioni ossido-riduttive possono avvenire se c'e' disponibilita' di flusso</strong> <strong>elettronico.</strong></p> <p style="text-align: center;"><strong>Quindi Szent - Gyorgyi &nbsp;si e' posto una domanda molto semplice : a monte di tutte le concatenazioni delle reazioni biochimiche degli organismi viventi : da dove vengono gli elettroni necessari per queste reazioni ?</strong></p> <p style="text-align: center;"><strong>I campi magnetici cosa fanno ? Prendono cariche elettriche , che procedono in linea retta e le fanno &nbsp;girare circolarmente.Questo ha delle conseguenze biochimiche negli organismi viventi.</strong></p> <p style="text-align: center;"><strong>Ma il campo magnetico puo' agire solo e soltanto se ci sono cariche elettriche disponibili.</strong></p> <p style="text-align: center;"><strong>Quindi nell'organismo devono esserci cariche elettriche libere , su cui possono agire campi magnetici di debole intensita',Questa fu l'osservazione di &nbsp;Szent - Gyorgyi &nbsp;,all'incirca nel 1960.</strong></p> <p style="text-align: center;"><strong>Szent - Gyorgyi afferma , che anche se non puo' ancora spiegarlo, questi elettroni devono venire dall'acqua.Non c'e' punto della materia vivente che non disti almeno un milionesimo di centimetro da qualche membrana.Poiche' noi siamo costituiti per il 70% ,in peso, di acqua; ma per il 99% ,se consideriamo il numero di molecole. Allora vuol dire che.nel vivente, non c'e' nessuna molecola di acqua ,che dista piu' di un milionesimo di centimetro da qualche membrana.Quindi vuol dire che la nostra acqua, &eacute; un acqua particolare.Infatti i fisici,che studiano l'acqua ,hanno diviso l'acqua in due categorie &nbsp;: l'acqua balk , cioe' l'acqua che si trova lontana, a largo e l'acqua invece che possiamo definire interfacciale , cioe' vicina alle membrane cellulari.</strong></p> <p style="text-align: center;"><strong>Questa acqua forma degli strati sulle membrane e questi strati sono tanto piu' spessi quanto piu' e' polarizzata la membrana.Questa zona stratificvata di acqua INTERFACCIALE viene chiamata " ZONA DI ESCLUSIONE " in quanto li' vengono esclusi gli eventuali soluti.</strong></p> <p style="text-align: center;"><strong>La struttura dipende strettamente dalle interazioni</strong></p> <p style="text-align: center;">&nbsp;</p> <p><strong>Quindi il pi&ugrave; grosso mistero della biochimica e l'esistenza di cariche elettriche libere nell'organismo vivente che possono essere mosse da un campo magnetico debole.</strong><br /><strong>L'acqua Inter facciale dista dalle membrane cellulari qualche micron.</strong><br /><strong>L'acqua che sta vicino alle membrane ha caratteristiche fisiche diverse dalla quella lontana dalle stesse membrane.</strong><br /><strong>Quindi l'acqua dell'organismo vivente &egrave; diversa da quella che esce dal rubinetto ed &egrave; tutta acqua interfacciale.</strong></p> <p><strong>L'errore maggiore che &egrave; stato commesso dalla biochimica sperimentale e' stato quello di isolare l'acqua dall'organismo in cui si trova. Poich&eacute; nel momento in cui estraiamo l'acqua ;l'acqua perde le caratteristiche dell'acqua interfacciale ,e ridiventa l'acqua come quella che esce dal rubinetto. Le cose vanno osservate nel posto in cui operano e non estraendole. Il concetto alla base sperimentale si chiama</strong><strong>pre-concetto ontologico cio&egrave; una cosa e' se stessa indipendentemente dal contesto in cui si trova. Estraendo una cellula da un organismo vivente e osservandola al microscopio la cellula ha gi&agrave; perso gran parte delle sue propriet&agrave; che dipendono dal contesto in cui si trovava.</strong></p> <p><strong>LA DINAMICA DELLA MATERIA VIVENTE E' INTRINSECAMENTE COLLETTIVA.QUINDI STUDIARE LE SINGOLE MOLECOLE SERVE A POCO.</strong></p> <p><strong>&nbsp;</strong></p> <p>&nbsp;</p>

INTERAZIONE CAMPO AMBIENTALE ED ORGANISMO.

MEMORIA DELL'ACQUA.